Frequenza di rimbalzo troppo alta: la soluzione al problema

Per capire come sta performando il sito web, la frequenza di rimbalzo o bounce rate è un dato fondamentale ed una metrica che indica la percentuale di utenti che visitano una sola pagina di un sito web. La Frequenza di Rimbalzo viene definita come la percentuale di visite di una sola pagina e misura la % di visite che non vanno oltre la lettura di una sola pagina del sito web. Si tratta di un indicatore molto importante, poiché rivela se il sito web è interessante o meno.

Frequenza di Rimbalzo: cos’è?

Frequenza di rimbalzo troppo alta: la soluzione al problema

L’importanza della frequenza di rimbalzo come misura dell’efficacia del sito web non può essere sottovalutata. È abbastanza importante esaminare cosa sia la frequenza di rimbalzo. Secondo Google Analytics, la frequenza di rimbalzo è la percentuale di visite rimbalzate (cioè le visite in cui ogni utente ha abbandonato il sito dalla pagina di ingresso).

La frequenza di rimbalzo è una misura della qualità delle visite e un’alta frequenza di rimbalzo indica generalmente che le pagine di ingresso (di destinazione) del sito non sono rilevanti per i visitatori. La frequenza di rimbalzo è diversa dalla frequenza di uscita, che si riferisce ad una pagina che viene visualizzata per ultima dopo averne viste due o tre prima di chiudere una sessione.

Ogni sito web e settore è diverso, quindi non c’è un singolo tasso o metrica da osservare. Invece, le aziende dovrebbero confrontare i loro siti con altri siti e settori simili.

  • Siti di vendita al dettaglio – Frequenza di rimbalzo del 20-40%
  • Pagine di destinazione semplici – Frequenza di rimbalzo del 70-90%
  • Portali – Frequenza di rimbalzo del 10-30%
  • Siti di servizio – Frequenza di rimbalzo del 10-30%
  • Siti di contenuti – Frequenza di rimbalzo del 40-60%
  • Generazione di lead – Frequenza di rimbalzo del 30-50%.

Come possiamo migliorare la frequenza di rimbalzo?

Ci sono molte cose che puoi fare per cercare di migliorare la frequenza di rimbalzo, ma prima concentriamoci su alcune cose che NON dovresti fare che potrebbero danneggiare la tua frequenza di rimbalzo.

Fattori negativi

  • Annunci pop-up, sondaggi, musica o video in streaming
  • Progettazione della pagina di destinazione
  • Messaggi pubblicitari e della pagina di destinazione
  • Tempo di caricamento delle pagine
  • Collegamenti a siti esterni

Tecniche di miglioramento

  • Fornire contenuti pertinenti
  • Costruisci un percorso di navigazione / menu chiaro
  • Collegamento a una pagina del glossario che definisce i termini del settore
  • Velocizza il caricamento della pagina
  • Sbarazzati degli annunci pop-up
  • Ridurre i collegamenti esterni o aprirli in una nuova finestra.

Alcuni suggerimenti

  • Migliora la navigabilità del tuo sito: Assicurati che il tuo sito sia facile da navigare. Se gli utenti non riescono a trovare facilmente ciò che stanno cercando, è probabile che lascino il sito.
  • Ottimizza la velocità di caricamento del tuo sito: I siti lenti possono frustrare gli utenti e farli abbandonare il tuo sito. Utilizza strumenti come Google PageSpeed Insights per identificare e risolvere eventuali problemi di velocità.
  • Fornisci contenuti di alta qualità: I contenuti di alta qualità che sono rilevanti per il tuo pubblico possono aiutare a mantenere gli utenti sul tuo sito più a lungo.
  • Utilizza un design responsive: Un sito che non è ottimizzato per i dispositivi mobili può portare a un alto tasso di rimbalzo. Assicurati che il tuo sito sia responsive e funzioni bene su tutti i dispositivi.
  • Utilizza call-to-action chiare: Le call-to-action possono guidare gli utenti a interagire con il tuo sito e a visitare più pagine.
  • Ottimizza le tue landing page: Le tue landing page dovrebbero essere coinvolgenti e rilevanti per il tuo pubblico. Se le persone atterrano su una pagina che non è rilevante per loro, è probabile che rimbalzino.
  • Analizza i dati: Utilizza strumenti come Google Analytics per capire da dove provengono i tuoi utenti, quali pagine visitano e perché potrebbero rimbalzare. Questo ti aiuterà a fare modifiche informate per migliorare la tua frequenza di rimbalzo.

Perché la frequenza di rimbalzo è importante?

Una cattiva frequenza di rimbalzo probabilmente significa una cattiva esperienza utente e minori vendite del sito da parte degli utenti che abbandonano il sito web. Comprendere la frequenza di rimbalzo è fondamentale per l’ottimizzazione del tasso di conversione del tuo sito. Google esamina la tua frequenza di rimbalzo quando decide chi vede la tua pagina. Quando un utente trascorre tanto tempo a fare clic su più pagine del tuo sito, ciò implica che ha trovato i tuoi contenuti interessanti e utili. Ricorda, tuttavia, che un tasso di rimbalzo più alto non è sempre una cosa negativa. Ad esempio, se il tuo sito è principalmente informativo e le persone trovano le informazioni di cui hanno bisogno sulla prima pagina che visitano, potrebbero non avere bisogno o desiderio di visitare altre pagine.

 

Un’alta frequenza di rimbalzo è cattiva?

La risposta dipende dal tipo di contenuto che offri. Una frequenza di rimbalzo elevata indica criticità. Se la frequenza di rimbalzo è alta significa che gli utenti “rimbalzano” ed escono dalla pagina senza visitarne altre. La frequenza di rimbalzo ottimale dovrebbe essere compresa tra il 26-40%.

Tra le cause di una percentuale alta della frequenza di rimbalzo reperiamo:

  • Pagine lente da caricare. Le pagine possono essere lente a causa di vari fattori: contenuti pesanti e non ottimizzati, la grafica del sito web è pesante o poco ottimizzata.
  • Rimbalzo esagerato di alcune pagine.
  • Contenuti pessimi o troppo prolissi. La migliore regola è creare dei contenuti di qualità.
  • Titoli e Descrizioni ingannevoli: è sempre bene descrivere il contenuto della pagina a partire dal tag title e dalla description.
  • Backlink errati o scaduti: se il sito è cambiato ed ha modificato alcuni url, tutti i backlink saranno errati. È bene chiedere al webmaster di recuperarli e di reindirizzarli ai nuovi articoli.
  • Errata configurazione del codice di monitoraggio: è buon consiglio controllare che nel codice html del sito web non vi siano 2 codici di monitoraggio uguali.

Chiedi ulteriori informazioni al nostro Chatbot. (abbi pazienza se non risponde correttamente, a volte è un poco pigro…)

Cosa propone Gianni Puglisi?
Come contatto Gianni Puglisi?
Cosa propone Gianni Puglisi?
Come contatto Gianni Puglisi?

Abbi pazienza se qualcosa non funziona correttamente, è ancora  sperimentale…